Sport
Fermana F.C., occasioni a iosa, una traversa ed un rigore negato, ma alla fine con l'Albinoleffe è 0 a 0. Settore Giovanile: i risultalti

La Fermana F.C. tornava a giocare tra le mura amiche. Avversaria di turno quell' Albinoleffe che la classifica dipingeva in ambasce, ma che dopo aver cambiato guida tecnica (in settimana Alvini è stato avvicendato da Marcolini, il cui vice è un ex canarino d.o.c. del calibro di Stefano Bettella) si riprometteva di vendere la pelle solo a carissimo prezzo. Di contro una Fermana F.C. che non ha cambiato copione (4/3/1/2), ma solo qualcuno degli attori che sono andati ad interpretarlo. Prima dell'inizio, la società canarina ha ricordato il giornalista Mario Rossetti, nel quinto anniversario della sua prematura scomparsa. Settore Giovanile: tutte le gare in programma in questo fine settimana.

 

 

Fermana F.C., occasioni a iosa, una traversa ed un rigore negato, ma alla fine con l'Albinoleffe è 0 a 0. Settore Giovanile: i risultalti

Kakorri, Calzola e Iotti fuori (il centrocampista di Rotella ha accusato un leggero affaticamento, quindi tenuto a riposo precauzionale), Soprano in luogo dello squalificato Comotto, Maurizi torna in panchina ed a cercare la via del gol ritoccherà al tandem Cognigni/Lupoli, con D'Angelo a supporto. Il bomber fermano, fiore all'occhiello del mercato estivo di una stagione fa, ha avuto l'opportunità per tornare a mettere in difficoltà, nelle scelte, il tecnico gialloblù.

 

albi1

 

Sabato 01 Dicembre 2018 – Stadio “B. Recchioni” – inizio ore 16 e 30

FERMANA F.C. vs ALBINOLEFFE: IL TABELLINO

 

FERMANA F.C. (4-3-1-2): Ginestra; Clemente (25' st Maurizi), Scrosta, Soprano, Sarzi Puttini; Misin, Giandonato, Urbinati; D'Angelo (40' st Da Silva); Cognigni (27' st Cremona), Lupoli (40' st Zerbo). A disposizione: Marcantognini, Pavoni, Guerra, Nasic, Marozzi, Fofana, Nepi, Contaldo. Allenatore: Destro.

 

ALBINOLEFFE(5-3-2): Coser; Gavazzi, Gonzi (1' st Ruffini), Agnello (34' st Nichetti), Gelli,  Sibilli (17' st Kouko), Mondonico, Stefanelli, Giorgione, Colombi (34' st Ravasio), Sbaffo (46' st Romizi). A disposizione: Cortinovis, Micheli, Gusu, Mandelli, Coppola. Allenatore: Marcolini

 

Arbitro: Sig. Pashuku di Albano Laziale (Rizzotto/Barone)

Reti:

Ammoniti: Colombi e Sbaffo (A), Giandonato, Lupoli e Da Silva (FFC)

Espulso: Giandonato (FFC) a fine gara

Angoli: 7 a 2 per la Fermana

Recuperi: pt 4'; st 4' + 1'

Note: Spettatori presenti 883 (386 paganti + 497 abbonati), per un incasso complessivo pari ad € 4627,00 (2427 + 2200 quota abbonati: dati comunicxati dall'Ufficio Stampa della Fermana F.C.). Prima dell'inizio dell'incontro, cerimonia di ricordo del giornalista Mario Rossetti nel giorno del 5° anniversario della sua scomparsa. Fari accesi sin dall'avvio. Temperatura rigida. Presenti sugli spalti 4 tifosi ospiti.

 

Alla fine arriva un punticino, che tiene lì la Fermana F.C. e cioè ancora al passo delle migliori del campionato. Ma quanti rimpianti: occasioni a iosa, un legno ed un probabile calcio di rigore non visto. Dopo Pesaro, sul banco degli imputati ancora gli episodi contrari. Che, tutto considerato, non hanno consentito alla Destro band di compiere quel passo in più che la piazza si sarebbe aspettato. Sotto alla lente infatti, anche l'operato arbitrale del Sig. Pashuku di Albano Laziale, che ha diretto in maniera sicuramente troppo permissiva. Un pareggio che, in ogni caso, è da accettare poichè conciso con una delle più belle prove dei gialloblù, vivi, intraprendenti e pericolosi per tutto l'arco dei 90'. Si poteva fare qualcosa di più? Forse, ma intanto quel che non si doveva fare era prendere ammonizioni ed espulsioni assolutamente evitabili (vero Giandonato?). Sabato prossimo, al "Liberati" di Terni, in una sfida molto sentita dalla tifoseria e diffusa in diretta televisiva, la squadra sarà priva del suo faro di centrocampo.

 

lbi2

 

LA CORNACA DEL PRIMO TEMPO.

Il mal di gol assilla Destro, che rispolvera Cognigni dall'inizio per il solito, collaudatissimo, 4/3/1/2 che conferisce a D'Angelo il compito di innescare gli avanti gialloblù (ed il "Golden Boy" ci riuscirà, non trovando - per la verità - grande collaborazione, soprattutto quando è stato chiamato a spaziare sul versante mancino). Già al 6', una fuga dell'ex Recanatese culmina con un preciso cross che Cognigni impatta da due passi: Coser si supera, salva il risultato e, a conti fatti, il pomeriggio della compagine bergamasca. L'esperto portierone orobico si ripeterà, intervenendo precipitosamente, al 14', quando sarà costretto a rifugiarsi in angolo per disinnescare un velenoso tiro/cross di Giandonato. Nemmeno un quarto d'ora di gioco ed il tema tattico del match è già chiarissimo: Fermana a fare la gara, Albinoleffe (seconda miglior difesa del torneo) ad opporre un settore nevralgico di grande densità ed a randellare quà e là per il campo allo scopo di spezzare sul nascere ogni azione locale sviluppata in velocità. Al 24' ci prova Lupoli dai 20 metri (palla alta), a coronamento di un'azione da manuale in un match che si mantiene su buoni ritmi soprattutto grazie all'ottimo girocampo imposto dai 3 centrocampisti canarini, che esercitano un possesso palla senza soluzione di continuità. 28', ci prova Clemente (ancora cuoio sopra la traversa). I risultati finali provenienti dagli altri campi, fanno notare che vincendo la Fermana tornerebbe ad agguantare la vetta della classifica. Ed allora, vai con l'acceleratore. Occhio, però: al 45', Ginestra è costretto all'uscita bassa per anticipare Giorgione lanciato a rete, prima che Soprano (al 4' di recupero) incornasse al lato - da posizione favorevolissima ed in beata solitudo - un pallone proveniente da calcio d'angolo. Che, sinceramente, avrebbe meritato miglior sorte. La prima frazione termina quindi a reti bianche: locali propositivi e sfortunati, che pur senza riuscire a sbloccare il risultato si sono indubbiamente fatti preferire per occasioni e possesso; ospiti decisi e coperti. Se il primo tempo ha regalato emozioni, questo lo si deve quasi esclusivamente alla Fermana. L'impressione è che questa sia una di quelle classiche gare dove convenga avere calma ed aspettare.

 

albi3

 

LA CORNACA DEL SECONDO TEMPO.

Fermana in campo con gli stessi effettivi, Albinoleffe che avvicenda Gonzi con Ruffini. Già al 9' però, il monologo gialloblù riparte. Incursione di Sarzi Puttini, traversone che Lupoli spizza trovando il tempo d'inserimento giusto, ma non la porta ospite. L'ingresso dell'ex Maceratese Kouko - che con Colombi va a ricomporre quella coppia d'attacco che fu tanto cara a Mister Bucchi - consente agli ospiti di salire un po' e conquistare una decina di metri di campo, sebbene la compagine di Marcolini faccia difficoltà a rendersi pericolosa in avanti, provandoci concretamente solo in occasione di calci piazzati. La contromossa di Mister Destro è duplice. Dapprima, il tecnico di Rivoli ordina di alzare il pressing e successivamente, inserisce Cremona e Maurizi per Cognigni e Clemente, con conseguente adozione di un pacchetto difensivo a 3 elementi. Mosse che avranno il merito di dare nuova linfa ai canarini ed accendere la partita. La Fermana infatti, collezionerà 3 palle gol in 2'. 29', ci prova Giandonato da calcio franco: palla fuori di un Amen. 30': sul destro di Misin, Coser si rifugia in angolo. Al 31' il clou: "soldatino" impatta di testa, Coser e la traversa gli negano quella che sarebbe stata una strameritata gioia personale. Un'azione sventata da Ginestra, che fa buona guardia all'interno della sua area piccola (38') ed una conclusione volante di Giorgione (41'), sono gli unici acuti ospiti della ripresa (in mezzo, una nuova conclusione di Giandonato, che non inquadra la porta). L'episodio dello strattonamento di Da Silva in area ospite, che indurrà il direttore di gara ad ammonire l'attaccante gialloblù - appare quanto meno dubbio. Così, tra i canarini che volevano tornare a volare e la formazione orobica che non poteva permettersi di sbagliare, alla fine arriva la divisione della posta. Un altro punto in cascina: la Fermana resta nelle posizioni di vertice  e lancia la sfida alla Termana grandi firme. Perchè, sebbene senza Giandonato, magari in diretta TV le imprese riescono meglio. Scommettiamo?

 

albi4

 

LA FERMANA HA RICORDATO DI MARIO ROSSETTI

La Fermana F.C. ha ricordato Mario Rossetti. In occasione della gara contro l'Albinoleffe, ai rispettivi capitani delle squadre sono consegnate due targhe, in memoria del noto giornalista e tifoso fermano. Nel quinto anniversario dalla sua scomparsa, Mario Rossetti resta indimenticato da tutti gli sportivi e dalla società. Il team manager Walter Matacotta e il direttore generale Fabio Massimo Conti hanno consegnato due targhe nella sala stampa che porta il nome dello stesso giornalista, mentre in tribuna stampa è stato deposto un mazzo di fiori, rigorosamente gialloblu, in quella che era la sua postazione. Piccoli gesti, in memoria di un grande uomo e stimatissimo professionista.

 

commemorazione

 

SETTORE GIOVANILE, GLI IMPEGNI DEL FINE SETTIMANA

Con la Berretti Nazionale a riposo e gli Allevi e Giovanissimi che attendono l'inizio della fase regionale, sono solo tre le squadre del settore giovanile impegnate in campo (a parte quelle della Scuola Calcio). Sono attese dalla trasferta in quel di Teramo l'U15 e l'U17 Nazionale, domenica sul campo sportivo "Acquaviva". L'U13 Pro ospita, invece, il Perugia, domenica alle 11.30 al Firmum Village.

Di seguito i risultati:

UNDER 15 NAZIONALE Teramo - Fermana F.C. 1 a 0

UNDER 15 NAZIONALE Teramo - Fermana F.C. 1 a 3 (doppio Cardinali e Diouane)

 

Letture:1406
Data pubblicazione : 30/11/2018 16:39
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications