Sanità
"Siamo a 14". Presentato il nuovo Primario di Patologia Clinica dell'Area Vasta 4: è Salvatore Licitra

“Oggi presentiamo il quattordicesimo primario della mia gestione - ha esordito il Direttore dell’Area Vasta 4 Licio Livini. Il Dottor Licitra, primario del Laboratorio di Analisi Cliniche e di Microbiologia del Murri è laureato presso l’Università degli Studi di Perugia e si è poi specializzato in analisi chimico cliniche e microbiologia e in medicina tradizionale cinese e agopuntura.”

“L’esperienza lavorativa del Dottor Licitra – ha continuato Livini – è iniziata nell’’85 e lavora da anni nelle nostre strutture. Ha rappresentato un punto di riferimento per l’Ospedale di Amandola dove dall’’89 è stato responsabile di una unità operativa semplice. Dall’agosto 2013 è Direttore facente funzione di Patologia Clinica al Murri. La sua attività nel campo conta anche diversi corsi di docenza e corsi di formazione nel settore del Laboratorio di Analisi ed è stato anche responsabile del percorso qualità e certificazione di Amandola.”

Dunque 5 lunghi anni di “burocrazia”, ma da domani Licitra sarà direttore a tutti gli effetti, dopo la nomina conseguente una selezione a titolo di esami. “Sono pienamente soddisfatto del percorso fatto in questi anni dall’Area Vasta 4 – ha continuato Livini. Abbiamo recuperato molto rispetto al passato, possiamo dire di avere una situazione stabile e sono fiducioso nel futuro: in prospettiva vedo la possibilità di ulteriori miglioramenti. L’obiettivo principale è quello di ridurre il flusso degli utenti che vanno fuori dall’Area Vasta 4: il 45% circa è la percentuale di mobilità passiva totale, di questi un 10/11% vanno fuori Regione. Ciò che intendiamo recuperare è la mobilità che da Fermo si muove verso Macerata o Civitanova Marche: è evidente che per alcune specializzazioni, penso a oncologia o ai servizi di diagnostica, ci sono situazioni meglio organizzate. L’interesse è quello di portare servizi in più rispetto a quelli che abbiamo con la consapevolezza che in tante specializzazioni (gastro, urologia, malattie infettive), tanti utenti da fuori Regione vengono a Fermo.”

 

Salvatore Licitra, amandolese, ha ringraziato il Direttore Livini per l’opportunità: “il mio è stato un percorso molto lungo e la nomina arrivata ora mi rende soddisfatto del risultato. Sono arrivato qui sei anni fa da Amandola dove le prospettive di lavoro non erano delle più rosee e con l’evoluzione delle tecnologie ci siamo trovati anche davanti ad alcune problematiche.”

“Vorrei contribuire a ridurre i trasferimenti di cui parlava Livini – ha proseguito Licitra – perché molte cose possono essere fatte qui e abbiamo la possibilità di “sfruttare” il personale a nostra disposizione e dare modo all’Area Vasta di qualificarsi. Di positivo c’è inoltre il fatto che sono arrivate persone giovani, volenterose e preparate che mi daranno l’opportunità di migliorare questo percorso.”

“La patologia clinica consiste negli esami di laboratorio (circa il 70%, perché per le super specialistiche di secondo e terzo livello è necessario spostarsi fuori), nella citologia (test) e nell’anatomia patologica (esami istologici, biopsie)” ha spiegato nel dettaglio il Dottore: “la squadra sarà composta da 13 dirigenti, di cui 5 medici, 8 biologi e 24 tecnici con una guardia attiva 24 ore su 24”.

“Penso che il futuro del laboratorio stia nella biologia molecolare e nella microbiologia, quindi avere una strumentazione adatta sarebbe un grande passo. Inoltre mi piacerebbe che due medici venissero stabilizzati, di modo che possiamo essere in grado di formare in modo migliore il personale, personale che resta e che non va via dopo un periodo di sei o nove mesi” ha concluso Licitra.

 

Il Dottor Andrea Vesprini si è complimentato con il Dottor Licitra per l'incarico. “La patologia clinica – ha commentato – afferisce al dipartimento dei servizi e sono dunque trasversali a tutti i servizi dell'Area Vasta 4, non solo ospedalieri ma anche territoriali, hanno quindi una funzione cardine fondamentale.”

“È importante perché non è vero che il servizio fa solo un lavoro passivo – ha tenuto a sottolineare Vesprini -, ma è invece talmente importante che l'azione proattiva di chi lavora in quel campo va verso i fini dell'appropriatezza: per intenderci è importante che al paziente vengano prescritti gli esami giusti e ci sia una collaborazione e una comunicazione.”

“Parliamo quindi di multidisciplinarietà perché il laboratorio lavora insieme alle unità operative cliniche è questa è una interrelazione fondamentale. Il chirurgo per poter agire necessita di immediatezza e quindi di correlazione con il clinico, fermo restando tutte le buone pratiche e gli accorgimenti degli operatori” ha concluso Vesprini.

 

 

Letture:2050
Data pubblicazione : 31/07/2018 15:23
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • manager

    31-07-2018 20:21 - #1
    "Malasanità, in Ue oltre 500mila morti evitabili tra gli under 75, i decessi sarebbero stati scongiurati con cure sanitarie ottimali" "Allarme corruzione nella sanità, coinvolta un'azienda su 3" in bocca al lupo
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications