cultura
Fermo. 8000 visitatori da fine aprile ad oggi, prorogata fino al 7 ottobre la Mostra sul Quattrocento a San Filippo Neri

Un bilancio molto positivo per la mostra “Il Quattrocento a Fermo. Tradizione e avanguardie da Nicola di Ulisse a Carlo Crivelli”, organizzata dalla Regione Marche e dalla Città di Fermo, tanto che si è deciso di prorogarne l’apertura fino al 7 ottobre, rispetto alla prevista chiusura del 2 settembre. Un successo di pubblico, dunque, che dal giorno dell’inaugurazione, avvenuta lo scorso 20 aprile, ad oggi ha fatto registrare oltre 8000 visitatori che hanno ammirato le splendide opere esposte nella Chiesa di San Filippo.

Fermo. 8000 visitatori da fine aprile ad oggi, prorogata fino al 7 ottobre la Mostra sul Quattrocento a San Filippo Neri

“Il Quattrocento a Fermo”, a cura di Alessandro Marchi con Giulia Spina, fa parte del progetto di valorizzazione del patrimonio culturale “Mostrare le Marche”, promosso dalla Regione Marche, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e da Anci Marche, attuato in sinergia con la Prelatura Territoriale di Loreto e i Comuni di Macerata, Ascoli Piceno, Fermo, Fabriano e Matelica, che vede un nucleo significativo di mostre in diverse città della regione, volte a creare un circuito espositivo di grande respiro culturale.

“La volontà di prorogare questa esposizione da parte dell’Amministrazione Comunale di Fermo, in accordo con la Regione Marche – dichiara l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Moreno Pieroni – è un bellissimo messaggio di attenzione verso il territorio e una testimonianza di come la Città di Fermo rappresenti sempre un punto di riferimento nel sistema culturale regionale. Il prolungamento dell’apertura dimostra anche una grande sensibilità verso la diffusione dei valori dell’identità culturale territoriale e regionale, oltre ad essere una significativa opportunità sia turistica che economica in direzione di un giusto rilancio. Una sincera soddisfazione, dunque, per la buona riuscita di questa mostra, che ci invita a proseguire sulla strada della qualità progettuale.”

“Siamo lieti dell’ottimo riscontro che l’esposizione sta avendo – afferma l’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Fermo, Francesco Trasatti - e questa proroga rappresenta il segno evidente che, nonostante sia aperta da aprile, la mostra vuole essere vista ancora da molti, dimostrazione della voglia di bellezza e di cultura da parte di residenti e visitatori. Turisti che si annunciano anche per il mese di settembre e che dunque non mancheranno di ammirare queste preziose opere in un percorso ad hoc all’interno della Chiesa di San Filippo”.



La mostra “Il Quattrocento a Fermo” racconta un tratto di storia artistica di Fermo, in cui la città ebbe grande rilievo dal punto di vista politico e artistico, con l’arrivo di maestri e preziosi manufatti dall’Italia centrale, da Venezia e dal Nord Europa che influenzarono moltissimo gli artisti locali. Di straordinaria ricchezza i capolavori in mostra: pale d’altare, sculture, oreficerie, miniature, tessuti e ceramiche.

Tante le iniziative collaterali alla mostra che hanno rafforzato la partecipazione e le presenze sia nell’esposizione che in città: la Notte dei Musei, la giornata di ingresso gratuito per tutti i residenti della città di Fermo, le visite guidate gratuite con i curatori della mostra nei mesi di luglio e agosto, gli itinerari per la città che hanno permesso a cittadini e visitatori di scoprire le tracce di questo importante secolo in tre luoghi d’eccezione di Fermo, attraverso biglietti d’ingresso agevolati (la mostra “Il Quattrocento a Fermo”, il Museo Diocesano e l’Oratorio di Santa Monica).
La mostra è stata arricchita nel corso dell’esposizione anche dall’aggiunta di nuove opere, che l'hanno resa ancora più interessante. Il catalogo di mostra, a cura di Alessandro Marchi con Giulia Spina, completa l’approfondimento storico artistico di questo illustre secolo a Fermo.

Cinque le sezioni che compongono il percorso espositivo tra capolavori di pittura, scultura, ceramica, oreficerie, tessuti e miniature: Fermo 1442: Nicola di Ulisse da Siena al Girfalco; Rinascimento ed Antico: toscani, veneti, tedeschi e fiamminghi dalle coste all’Appennino; Pittori tardogotici alla metà del Quattrocento: Marino Angeli, Pierpalma e Lorenzo da Fermo; Fermo 1468-1479: la città di Carlo e Vittore Crivelli e Dalle chiese e dai castelli: miniature, oreficerie, tessuti e ceramiche.

Alla mostra, organizzata dalla Società Sistema Museo erealizzata con la collaborazione dell’Arcidiocesi di Fermo e Musei di Fermo, con il contributo di Camera di Commercio di Fermo e Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica.

Nell’ambito del progetto “Mostrare le Marche” continua inoltre la mostra a Matelica “Milleduecento. Civiltà figurativa tra Umbria e Marche al tramonto del Romanico”, visitabile al Museo Piersanti fino al 4 novembre 2018 (coupon sconto scaricabile dal sito www eventi.turismo.marche.it).

Letture:1564
Data pubblicazione : 03/09/2018 12:42
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications